Spazi aperti, alla sua XIV edizione

0
361

Spazi Aperti, il progetto che riunisce artisti delle accademie e degli istituti stranieri di Roma, si è aperto quest’anno il 10 giugno, e sarà disponibile al pubblico fino al 19 giugno.
Gli artisti stranieri saranno presentati in dialogo con artisti consacrati che vivono ed creano la loro arte nella Città Eterna, ma anche in altre città italiane.
L’evento si presenta come una piattaforma d’incontro tra i borsisti e la città, tra gli artisti e gli abitanti dell’urbe. L’Accademia di Romania torna così, come ogni anno, a sottolineare, con l’apertura della sede istituzionale, la sua volontà di consolidare le buone relazioni di cooperazione e partenariato tra le istituzioni artistiche e culturali che operano a Roma. Le risorse e gli spazi espositivi dell’Accademia saranno quindi anche quest’anno a disposizione degli artisti, per riunire un gran numero di realtà ed evidenziarne le peculiarità.
La manifestazione Spazi Aperti rappresenta l’unico evento culturale di Roma che ha come obiettivo la promozione di giovani artisti residenti negli Istituti culturali e nelle Accademie di ricerca a Roma, ed è organizzato e ospitato dall’Accademia di Romania.
Quest’anno il tema proposto è “Il codice della fortuna” tramite cui si è voluto che gli artisti esprimessero la loro visione sull’evoluzione e sulle leggi della vita.
L’evento è organizzato negli spazi dell’Accademia di Romania in Roma e ospiterà le opere di quasi 50 artisti – borsisti di altre Accademie culturali e Istituti di Roma. Alcuni degli artisti hanno già partecipato alle edizioni precedenti, mentre gli altri provengono da importanti centri d’arte emergenti; esiste poi una sezione a parte, dedicata agli ospiti speciali, tra cui questo anno è possibile annoverare il maestro Achille Pace, Mihail Trifan e Giovanni Contri.
Per la sezione italiana la curatrice Sabina Pecorella ha proposto quattro artisti italiani consacrati (Salvatore Alessi; Sergio Padovani; Felix Policastro; Davide Puma) e la curatrice Diana Alessandrini ha proposto tre artisti importanti romani (Giosetta Fioroni, Marta Czok, Sabrina Ventrella).
Finora (il 10 giugno), il pubblico ha potuto assistere alla performance dell’artista Antonio Biondi (Digeridoo) e al concerto dell’Orchestra Giovanile di Monte Mario (O.G.M.M.), direttore d’orchestra -Mo Alfredo Santoloci (direttore del Conservatorio Santa Cecilia di Roma), e (11 giugno) a un concerto di chitarra classica offerto dal Conservatorio di Musica Santa Cecilia di Roma (Prof. Mo Simonetta Camiletti). Il 13 giugno dalle ore 9:00 sarà inaugurato un workshop di architettura – Water as hazard and water as heritage, mentre il 16 giugno avrà luogo l’evento “Noli me tangere” – 18:30 Azione pluri disciplinare concepita da W.Mihuleac: poesia – David Napoli, musica – Cornelia Petroiu, danza – Isabelle Maurel, arte visuale – Wanda Mihuleac. Il 17 giugno sarà la volta del Jazz Day – 18:00 Conferenza: Prospettive italo-romene nell’ambito del jazz europeo, con Virgil Mihaiu e Francesco Martineli e alle 20:00 il Concerto della Bixi Big-Band e Tess Amodeo-Vickery. Il 19 giugno – evento di chiusura della mostra Spazi Aperti – alle ore 20:00 si terrà il Concerto straordinario di Samuele Telari (fisarmonica Bayan).

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY