L’ambasciatore della Repubblica Italiana in Romania, Diego Brasioli, sulla relazione tra l’Italia e la Romania:

0
815

“Io credo che in Europa non ci sono due paesi più vicini dei nostri”

Mentre gli italiani di tutto il mondo hanno celebrato il 2 giugno la Giornata Nazionale e nel nostro paese ha luogo da sei anni, con il patrocinio dell’Ambasciata d’Italia a Bucarest, il Festival Italiano, che per il 2016 anticipa anche il semestre in cui l’Italia avrà la presidenza dell’Unione Europea, l’ambasciatore d’Italia in Romania, Diego Brasioli, ha parlato della “intensità delle relazioni romeno-italiane” a Radio Romania Actualitati.
“Io credo che in Europa non ci sono due paesi più vicini dei nostri, fatto riconfermato anche nei primi mesi dell’anno 2014. Ricorderei la recente visita a Bucarest del ministro degli esteri, Federica Mogherini, preceduta ad aprile da quella del vice ministro dell’agricoltura, Andrea Olivero”, ha dichiarato l’ambasciatore.
“A Bucarest è venuto anche il capo della Polizia Italiana, Alessandro Pansa, per firmare un importante accordo di collaborazione. Ricordo, inoltre, la visita del presidente della Camera dei Deputati, Valeriu Zgonea, a Roma, e quella del ministro della giustizia, Robert Cazanciuc per firmare accordi di collaborazione con il Ministero italiano della Giustizia”, ha aggiunto Diego Brasioli.
L’ambasciatore ha precisato che “l’agricoltura romena è in piena espansione e molte imprese italiane sono attive in questo settore”.
Un esempio del partenariato tra i due paesi è la longevità del Festival Italiano, che si svolge annualmente e durante il quale hanno luogo, proprio in questi giorni, vari eventi per la promozione dell’eccellenza dei prodotti della penisola: presentazioni di moda, gastronomia e design. “L’ambasciata e le istituzioni italiane della Romania promuovono numerose iniziative. Proprio in questi giorni si svolte il Festival Italiano, che cerca di portare all’attenzione del pubblico romeno l’eccellenza dei nostri prodotti, design, moda o gastronomia. Alla fine del mese di giugno, avremo un secondo incontro con Fest Italia al Parco Herastrau”, ha concluso Diego Brasioli.

Sul problema delle frontiere europee “la Romania gioca un ruolo importante”

In merito a quali siano le priorità delle autorità di Roma, l’ambasciatore d’Italia a Bucarest, Diego Brasioli, ha di occupazione giovanile e del problema dell’immigrazione a sud del Mediterraneo.
“L’Europa si confronta anche con il problema dell’immigrazione in crescita, soprattutto nel sud del Mediterraneo, e l’Italia si trova in prima linea. L’UE ha anche altri problemi alle frontiere. Pensiamo alla recente crisi in Ucraina, alla situazione in Moldova, e qui la Romania gioca un ruolo importante. Un altro aspetto che non va sottovalutato è l’euroscetticismo. (…) Le recenti elezioni per il Parlamento Europeo hanno portato in primo piano partiti o deputati che si oppongono all’idea europea, nella forma in cui l’abbiamo conosciuta finora, con alcune posizioni xenofobe che contraddicono lo spirito dell’unione. In questo contesto, Italia e Romania possono offrire un gioco di squadra interessante, perché sono due paesi in cui non esiste un movimento euroscettico significativo, in cui i principali partiti al governo hanno registrato i migliori risultati e che hanno visioni comuni sui problemi cui ho fatto riferimento”, ha dichiarato l’ambasciatore italiano.

NO COMMENTS