Il presidente Sergio Mattarella a Bucarest

0
980
Foto Roberto Monaldo / LaPresse 31-01-2015 Roma Politica I Presidenti di Camera e Senato annunciano a Sergio Mattarella l'elezione a Presidente della Repubblica Nella foto Sergio Mattarella Photo Roberto Monaldo / LaPresse 31-01-2015 Rome (Italy) The Presidents of the Chamber of Deputies and Senate go to Sergio Mattarella to announce the election for President of the Republic In the photo Sergio Mattarella

Roma – Sergio Mattarella continua il suo giro delle capitali europee confermando così la sua proiezione esterna e la volontà di concentrarsi soprattutto sull’area dell’est europeo e del Mediterraneo dove l’Italia può giocare un ruolo fondamentale sia per i rapporti bilaterali che in chiave europea. Lunedì e martedì il presidente della Repubblica sarà a Bucarest per la sua prima visita ufficiale in Romania, e a metà settembre poi si recherà in Bulgaria.
I rapporti tra Italia e Romania sono molto intensi e fortissimi. Bastia pensare che in Italia la comunità romena è la più numerosa, un milione e 100mila persone. Siamo il loro primo partner commerciale con un volume di interscambio che si aggira intorno ai 13 miliardi, superiore a quello che abbiamo con paesi molto più grandi come Brasile, India e Giappone. In Italia poi ci sono 154mila studenti di origine rumena, si tratta del 19% del totale degli studenti stranieri.
La visita di Mattarella, a 5 anni dall’ultima fatta da Giorgio Napolitano, vuole ribadire l’attenzione prioritaria del nostro paese per questi rapporti storici tra i due paesi che oggi sono caratterizzati dal sostegno italiano alla causa rumena dell’ingresso nell’area Schengen. Una richiesta che risale al 2011 e che evidentemente ora si lega anche al ruolo di paese frontaliero che la Romania riveste in questa fase delicata di rapporti con la Russia per la crisi ucraina.
La Romania viene considerata oggi un vero laboratorio europeo – spiegano fonti diplomatiche – sia per la sua posizione geografica che per la fase politica che sta attraversando. La visita del Presidente della Repubblica si inserisce poi in un momento particolare per l’area, si avvicina il vertice Nato dell’8 e 9 luglio a Varsavia in cui i paesi dell’Est europeo porteranno le loro preoccupazioni per la vicinanza con l’Ucraina. Dal canto suo l’Italia ha interesse a consolidare l’amicizia con paesi che possono aiutarla a riequilibrare le scelte europee.
Il Capo dello Stato arriverà a Bucarest lunedì pomeriggio e avrà innanzitutto un incontro con una selezione della comunità italiana residente in Romania (sono circa 20mila le aziende italiane che operano nel paese, presso la residenza dell’ambasciatore). Martedì 14 al Palazzo Cotroceni Mattarella incontrerà il suo omologo, Klaus Iohannis, che ha già conosciuto in occasione della sua visita in Italia nell’aprile dello scorso anno. Nel pomeriggio Mattarella incontrerà anche il primo ministro Dacian Ciolos. Quindi alle 16 insieme a Iohannis inaugurerà il Forum economico ‘Italia investments in Romania – A european road in the global economy’, un gesto di grande attenzione che il presidente rumeno ha voluto riservare al nostro presidente.

NO COMMENTS