Marco Feltrin ha lasciato l’Italia per lavorare in una cantina della Romania: “Le qualità di questo paese sono talmente tante che neanche i romeni le conoscono tutte”

0
939

Nato a Vittorio Veneto (Treviso – Italia), Marco Feltrin è l’enologo della cantina Petro Vaselo di Banat, una piccola cantina di 42 ettari, creata nel 2011 da un italiano, una cantina che produce vini romeni di qualità e che esporta in Germania, Danimarca, Belgio, Olanda, Stati Uniti, Canada e una parte a Milano.
Marco è arrivato alla cantina nel 2011 solo per il periodo della vendemmia proprio da Salinas Valley (California), dalla cantina Constellation Wine, un gruppo molto grande che produce 70-80.000.000 bottiglie all’anno. Provenendo da una famiglia semplice, Marco ha ereditato il piacere per il vino da suo nonno, che faceva vino “in damigiana”.
E quando ha saputo della cantina romena non ci ha pensato due volte.
“A quel tempo non sapevo che la Romania si producesse vini, perché i vini romeni non appaiono nel mercato estero: non in Italia, in California non li ho trovato da nessuna parte, in Francia non ne parliamo neanche”, afferma Marco secondo Emigrantul.it.
Dopo aver lavorato stagionalmente in Romania, nell’agosto del 2012 Marco ha deciso di tornare in modo permanente.
“Allora il proprietario mi ha chiesto se volessi rimanere e diventare direttore di vinificazione”, ha raccontato Marco, secondo cui i romeni assomigliano molto agli italiani.
“Dopo quattro anni, dico che gli italiani e i romeni si assomigliano moltissimo. Ed entrambi i popoli hanno un vantaggio comune: sanno benissimo, sempre, accentuare, sottolineare i difetti ma mai le qualità. E allora, la prima volta che sono arrivato qui, ho capito i difetti del popolo e del paese. Perché quando vieni qui e ti dicono “guarda, questo paese ha mille difetti”… le qualità le scopri da solo, più tardi. E le qualità di questo paese sono talmente tante, che neanche i romeni le conoscono tutte”, dice Marco Feltrin.
L’italiano si dichiara affascinato dai vini romeni e dalla loro storia “sconosciuta”.
“Il mondo del vino in Romania è antico, molto antico. Cioè, qui si fa vino dai tempi dei daci e si dice che i romani siano venuti qui per il vino e per le loro donne (ride). La qualità del vino in Romania è cambiata moltissimo negli ultimi anni. Enormemente! In Romania si fanno molti vini buoni che non sono ancora conosciuti sul mercato estero. Manca la promozione sul mercato estero ma anche questo cambierà col tempo, con tanto lavoro”, crede l’italiano innamorato del nostro paese.

NO COMMENTS