Elezioni locali 2016 caratterizzate da numerose anteprime:

0
604

• Per la prima volta, lo scrutinio a avuto luogo in un solo turno
• Un programma informatico speciale per la prevenzione delle frodi
• Per la prima volta, la sinistra a conquistato la Capitale
• L’assenteismo è stato la parola d’ordine delle elezioni locali svolte domeni, 5 giugno, in Romania. La presenza al voto nel apese alle elezioni locali è stata, fino alle ore 21.00, di 48,27%, secondo l’Ufficio Elettorale Centrale (BEC).
• Nell’ambito urnbano, la presenza alle urne è stata di 39,80% e nell’ambito rurale di 59,71%. A livello dell’intero paese hanno votato 8.873.139 persone delle 18.320.473 iscritte sulle liste elettorali.
• Il candidato PSD+UNPR, Gabriela Firea, ha ottenuto, domenica, 42,1% dei voti dei cittadini di Bucarest per la carica di sindaco generale della Capitale, mentre il rappresentante dell’Unione Salvate Bucarest, Nicusor Dan, è stato votato da 29,8%, secondo i risultati dell’exit-poll realizzato da IRES e reso pubblico dopo la chisura delle urne da Digi 24. Sul terzo posto è arrivato Catalin Predoiu, con 13,3% mentre Robert Turcescu (PMP) ha 6,1%.
• Catalin Predoiu (PNL) ha dichiarato inoltre che se questi risultati saranno confermati, rinuncia al mandato di presidente della filiale PNL Bucarest.
• L’Unione Salvate Bucarest diventa l’Unione Salvate Romania, ha annunciato Nicusor Dan, e participerà alle elezioni parlamentari.
• Il presidente PSD, Liviu Dragnea, ha dichiarato che resterà alla direzione della formazione sociale democratica a seguito dei risultati registrati alle elezioni locali di domenica.

NO COMMENTS