“L’avvocato Globe-Trotter”. Dopo Spagna, Australia e Brasile, l’Avv. Daniele Iàcona ha preso le redini dell’italian team di uno dei principali studi legali del mercato rumeno.

0
2700

Avvocato, vanta esperienze in diversi paesi del globo. Ci spiega da dove ha cominciato?

Dall’Università di Bologna. Nel 2002 mi proposero di trascorrere un anno all’estero – in Spagna – attraverso una borsa di studio. Da allora, ho capito quanto sia interessante la vita da espatriato.

Cosa faceva in Spagna?

Ho terminato gli esami di giurisprudenza ed ho scritto la mia tesi sperimentale (i.e. Finanza Islamica). Un giorno, quando stavo per completare la mia esperienza in Spagna, un amico mi contattò per chiedermi se ero disposto a seguirlo in un’ altra esperienza all’estero ed, incoscientemente e senza ricevere molti dettagli, gli dissi sì.

E cosa è successo dopo?

Dopo dodici mesi in Spagna sono rientrato in Italia, ci ho trascorso due mesi (conseguendo la laurea), e sono subito ripartito per la mia nuova destinazione: Sydney. Ho vinto un’altra borsa di studio per approfondire l’oggetto della mia tesi. Ho trascorso un periodo meraviglioso. Il campus ove ero ospite era strutturato sul modello americano ed era composto da oltre 100.000 studenti di tutto il mondo. Aule studio all’avanguardia, ricchissime librerie, campi sportivi che avevo visto solo nei film. Esperienza indimenticabile. In più, vivevo a Bondi Beach, la spiaggia più conosciuta d’Australia.

Perché ha deciso di lasciare tale paradiso?

Per motivi di famiglia. L’Australia è un paese dalle caratteristiche invidiabili ma è anche a circa venti ore di aereo dall’Europa. Son tornato per necessità in Italia.

Ci è rimasto a lungo?

Un paio d’anni. Ho lavorato presso uno studio legale, presso il dipartimento legale di un’azienda elettrica ed ho frequentato un master in relazioni internazionali a Padova. Il master prevedeva anche una fase di tirocinio all’estero ed e così che sono sbarcato a San Paolo, in Brasile.

E dopo come è arrivato in Romania?

Casualmente. Non conoscevo per nulla la Romania e non avevo mai pensato di venirci a vivere. Nel 2007, tuttavia, mi proposero di svolgere un tirocinio presso uno studio legale a Bucarest. Considerato che la Romania era appena entrata nell’Unione Europea, considerai che era un’ ottima opportunità per avviare quella che è oggi la mia professione: l’avvocato d’affari.

Cosa è successo in questi 9 anni in Romania?

Ho imparato tantissimo. Dopo un’iniziale collaborazione con uno studio legale italiano, ho ricevuto un’offerta dallo studio ove tutt’oggi lavoro (i.e. Schoenherr). Mi sono state assegnate responsabilità sin dal primo giorno. Mi hanno permesso di estendere le mie responsabilità anche su altri paesi del centro-est Europa e questo ha fatto sì che mi sia trasferito, per periodi brevi (4 mesi), anche in Bulgaria e Repubblica Ceca. Mi piacciono le sfide e Schoenherr mi ha dato una grande opportunità.

Oggi coordino l’italian team, composto da dieci avvocati dedicati ai nostri clienti italiani, presente in diversi paesi del centro-est Europa (e.g. Turchia, Polonia, Serbia, Slovenia, Croazia, Austria e Moldova). È una soddisfazione aver avviato da zero un progetto e vederlo, dopo nove anni, così ben in salute.

Cosa ha in piano adesso?

Di continuare ad imparare ed a guardare avanti con il sorriso.
Sto per terminare un Master biennale in Business Administration (MBA) allo scopo di comprendere appieno le esigenze – oltre che legali – finanziarie e strategiche dei nostri clienti. Inoltre sono implicato in diversi progetti interni che mi consentono di esercitare la mia maggiore passione: mettermi in gioco quotidianamente

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY