Un esame di maturità

0
665

`Maturità`, il nuovo film di Cristian Mungiu, parla di corruzione. Una corruzione così naturale da non destare più un minimo di preoccupazione morale. In una simile società paternalista tutti i legami sembrano favori tra amici. Tutto si ricambia e questa possibilità conferisce una convincente confortevolezza a chi aderisce al sistema. Il traffico di influenze illecite è il polmone di una simile società. Il merito di Mungiu, che è anche il sceneggiatore del film, è di aver insistito su questa dimensione `umana` della corruzione. Non si tratta tanto di soldi che di `amore` per qualcuno. Aiutare il prossimo sembra la logica, anche se pervertita, del sistema. Ma proprio questo `far bene` è ambiguo. Il personaggio del film, un padre premuroso che vuole che sua figlia se ne vada in Inghilterra per studiare e non tormarci più, lontano da un mondo incapace di migliorare, è nello stesso tempo sufficientemente invasivo per rischiare di perderla. Lei si ribella e sembra scegliere di restare, anche per non separarsi del suo ragazzo. Vittima di un tentativo di stupro, la figlia desta compassione da parte di tutti. E per il padre niente di più naturale che cercare di aiutarla a tutti i costi. Ma il vero motivo delle sue azioni è la frustrazione per essere ritornato con la moglie dall`Occidente, con la speranza che il proprio paese cambierà dopo il crollo del comunismo. Il film parla però di una mentalità ereditata dai quei tempi cupi, quando la corruzione era molto più `umana` del regime. C`è chi da la colpa al comunismo che non passa del tutto e chi invece pensa che bisogna incriminare il nuovo capitalismo. Ma questo film ci mostra che la nostra realtà e un misto tra un vecchio paternalismo e l`indifferenza delundente del nuovo individualismo. Forse, come crede il padre, il ragazzo della figlia aveva asistito impaurito al tentativo di stupro, come altri passanti che non fecero nulla per aiutarla. `Maturità` parla proprio del difficile esame di chi cerca di non scappare più in un`altra realtà e fare le proprie scelte `qui` e da solo.

NO COMMENTS