Elezioni parlamentari – informazioni utili per chi vota in Italia

0
1126

Il 1 aprile 2016 è cominciato il periodo d’iscrizione degli elettori al Registro elettorale, sistema informatico nazionale di registrazione e attualizzazione dei dati di identificazione dei cittadini romeni con diritto di voto e delle informazioni riguardo la loro ripartizione nei seggi elettorali.
Possono votare alle elezioni per il Parlamento della Romania solo i cittadini romeni d’Italia che provino di avere domicilio o residenza in Italia, presentando, a scelta, uno dei seguenti documenti: carta d’identità per cittadini stranieri; certificato di residenza/certificato di iscrizione nello schedario della popolazione; certificato di residenza emesso dal comune locale; certificato dello stato di famiglia – se contiene la residenza dei titolari; certificato cumulativo di residenza e altri diritti; permesso di soggiorno.
I romeni che non hanno documenti validi di domicilio/ residenza in Italia, secondo le disposizioni della legge no. 208/2015,non potranno votare in Italia.
L’elettore all’estero ha tre opzioni per votare:
Per corrispondenza. A partire dal 1 aprile fino all’inizio del mese di settembre 2016, l’elettore all’estero dovrà inviare per posta, o presentare presso la sede diplomatica o l’ufficio consolare più vicino, una domanda d’iscrizione al Registro elettorale con l’opzione voto per corrispondenza, accompagnata da una copia del documento d’identità romeno valido e una copia del documento che dimostri la residenza, come risulta dalla lista al punto I. Il documento d’identità deve essere valido, non si accettano documenti d’identità scaduti.
Presso il seggio elettorale nella località dove abita o nella località vicina, altra rispetto all’ambasciata o al consolato. A partire dal 1 aprile fino all’inizio del mese di settembre l’elettore all’estero dovrà inviare per posta, o presentare presso la sede diplomatica o l’ufficio consolare una domanda d’iscrizione al Registro elettorale con l’opzione voto presso un seggio elettorale, accompagnata da una copia del documento di identità romeno valido e una copia di un documento che attesti la residenza, come risulta dalla lista al punto I. In tutti i casi, il documento d’identità dev’essere valido, non essendo accettati documenti di identità scaduti. L’elettore ha cinque mesi per iscriversi al Registro elettorale e per sollecitare la creazione di un seggio elettorale nella località in cui abita, altra rispetto all’ambasciata o consolato, a patto che ci siano almeno 100 richieste di questo tipo nella rispettiva località. In questo caso l’elettore può essere sicuro di non fare la fila presso l’ambasciata o il consolato della Romania del paese in cui abita, presentando a scelta uno dei documenti previsti nella lista al punto I e un documento di identità romeno valido.
Gli elettori non iscritti al Registro elettorale rischiano di fare la fila o anche di non aver tempo per votare nel periodo legale.
Si consiglia a tutti i cittadini romeni di iscriversi al Registro elettorale e di scegliere l’opzione più semplice: il voto per corrispondenza.
Il cittadino romeno con diritto di voto, con domicilio o residenza in Italia, che desideri esercitare il diritto di votare: 1) tramite corrispondenza o 2) presso un seggio elettorale alle elezioni per il Parlamento della Romania, dovrà iscriversi al Registro elettorale scegliendo una delle due opzioni.
Per questo è necessario consegnare personalmente, o tramite posta presso la Sezione Consolare dell’Ambasciata della Romania in Italia, in Viale Libano n. 40,
C.A.P. 00144 Roma, o presso il più vicino consolato romeno d’Italia, i seguenti documenti:
– modulo di domanda scritta
– copia del passaporto con la menzione dello statuto domiciliare, nel caso dei cittadini romeni con domicilio all’estero, rispettivamente una copia dell’atto di identità e una copia del documento comprovante il diritto di soggiorno, rilasciato dalle autorità italiane, come risulta dalla lista al punto I.
Per ulteriori informazioni si prega di consultare la Guida dell’elettore romeno all’estero o la pagina MAE dedicata al voto all’estero.

NO COMMENTS