La presidenza di Tariceanu in pericolo

0
665

I liberali iniziano una collaborazione con l’UNPR per cambiare il presidente del Senato, Calin Popescu Tariceanu.

“È un’azione di buon senso che il PNL ha iniziato anche da questa settimana. Va raccolto un certo numero di firme. (…) Il leader del gruppo è stato già mandato a raccogliere le firme necessarie”, ha dichiarato il copresidente del PNL Alina Gorghiu in una conferenza stampa. Gorghiu ha affermato anche che Tariceanu “non raggiunge affatto gli standard che dovrebbe avere un presidente del Senato”.

Gorghiu ha precisato che “chi ha dichiarato nello spazio pubblico il desiderio di aderire a questa azione appartiene all’UNPR”.

Tenendo conto che, secondo la Costituzione, una delle varianti per la revoca dalla carica di presidente del Senato è la proposta di metà più uno del numero totale dei senatori, sulla revoca di Tariceanu si discute da un bel po’ nel PSD, PNL e UNPR e sembra si sia presa una decisione. Il presidente UNPR, Valeriu Steriu, ha dichiarato che l’UNPR deciderà se vuole sostenere o no l’azione dopo un’analisi dell’attività.

Egli ha menzionato esserci molto “scontento anche per il comportamento dell’ultimo periodo” di Tariceanu e che ci saranno consultazioni nel PSD.

Il presidente PSRO, Mircea Geoana, ha annunciato che i senatori del suo partito saranno accanto al PNL e all’UNPR nello sforzo di dimettere Calin Popescu Tariceanu dalla direzione del Senato, precisando che quest’ultimo non avrebbe dovuto ricevere questa carica.

“Non doveva essere nominato, perché c’è stato un baratto tra PSD, PC e ALDE. C’è stato un tentativo di utilizzare una carica nello stato romeno per far crescere un partito politico, pre l’esattezza ALDE. È totalmente senza principi”, ha dichiarato Mircea Geoana per Realitatea TV.

Egli ha affermato che “non in questo modo si fa crescere un nuovo partito”.

Allo stesso tempo, alla domanda se desideri di nuovo la carica di presidente del Senato, Mircea Geoana ha risposto: “No, è per un altro giro di leader”.

A seguito delle azioni annunciate dai liberali per sostituire il presidente del Senato, Calin Popescu-Tariceanu, egli ha dichiarato di non aver paura e accusa il PNL di assomigliare troppo all’ex PDL.

“Non ho paura di tali sforzi e l’approccio politico che ho avuto finora rimarrà anche in futuro. Credo dipenda dal fatto che per il PNL è un esempio estremamente edificante sul modo di pensare e fare politica, un modo che è, ovviamente, ispirato, copiato dall’ex PDL, che si manifesta sempre di più come una forza guida (…) all’interno dell’attuale PNL. Non faccio altro che confermare ciò che ho detto ultimamente: il PNL, l’ex partito storico, è arrivato ad essere oggi una sorta di copia dell’ex PDL, ispirandosi al presidente che ha avuto il PDL molto tempo”, ha affermato lunedì Tariceanu, al Palazzo del Parlamento.

NO COMMENTS